Presentazione

Gli Obiettivi formativi specifici del Corso di Studi

 

 

Il Corso di Laurea magistrale in Scienze Forestali e Ambientali si propone di fornire conoscenze avanzate e di formare capacità professionali adeguate allo svolgimento di attività complesse di coordinamento e d' indirizzo riferibili al settore forestale e ambientale, nonché fornire competenze avanzate nella gestione delle imprese della filiera foresta-legno, delle imprese di consulenza e servizi ad esse connesse.

Il laureato magistrale in Scienze Forestali e Ambientali svolge attività di programmazione, gestione, controllo, coordinamento e formazione relativamente alle produzioni forestali e alla progettazione e pianificazione in campo forestale e ambientale. Obiettivo fondamentale della sua attività è progettare e gestire l'innovazione della produzione forestale, qualitativa e quantitativa, con particolare riferimento alle caratteristiche dei diversi ambienti naturali sia dal punto di vista ambientale che socio-economico, e dei progetti di filiera ad essa correlati. L'ambito operativo dall'impresa e dalla filiera si sposta nel contesto più generale della analisi, pianificazione e progettazione di interventi a scala territoriale e di bacino nell'ambito della valorizzazione e progettazione paesaggistica e ambientale. Presupposti fondamentali risultano le conoscenze in merito alle tecniche, alla produzione e alla difesa dei sistemi forestali e ambientali nella loro complessità.
La sua attività professionale si svolge nelle aziende forestali e in tutte le aziende collegate alla produzione, trasformazione, conservazione e distribuzione dei prodotti forestali, nelle Amministrazioni Pubbliche (Corpo Forestale dello Stato) e negli Enti pubblici e privati che conducono attività di pianificazione, analisi, controllo, certificazione, dei sistemi ambientali e territoriali (Regioni, Province, Comunità Montane, Comuni) nonché in quelli che svolgono indagini scientifiche per la tutela e la valorizzazione dell'ambiente e delle produzioni forestali e faunistiche, negli enti di formazione, negli Uffici Studi e nella libera professione.
Il laureato magistrale in Scienze Forestali e Ambientali, al termine degli studi:

  • possiede una solida preparazione di base e una buona padronanza del metodo scientifico, tali da renderlo in grado di ottimizzare e gestire progetti di ricerca e industriale, relativi all'intera filiera foresta legno e ai sistemi forestali e ambientali complessi;
  • possiede un'elevata preparazione scientifica ed operativa nelle discipline concernenti le risorse e gli aspetti tecnologici ed economici dell'ambiente forestale;
  • è in grado di analizzare le diverse situazioni di un contesto produttivo e di mercato, di programmare azioni e gestire interventi per migliorare la qualità e l'efficienza della produzione forestale e di ogni altra attività ad essa connessa per garantire la loro sostenibilità ambientale ed eco-compatibilità;
  • possiede le conoscenze per operare efficacemente in ambito di pianificazione, conservazione e valorizzazione delle risorse forestali, ambientali e paesaggistiche e progettare interventi per lo sviluppo sostenibile dei territori montani e forestali;
  • possiede una solida preparazione per operare professionalmente nelle attività riguardanti le risorse forestali, per risolvere problemi di pianificazione e progettazione, nonché di coordinare e gestire interventi per la tutela e la valorizzazione del territorio e delle risorse naturali e del paesaggio;
  • ha sviluppato attitudini personali alla comunicazione, al lavoro di gruppo multidisciplinare e capacità di giudizio sia sul piano tecnico ed economico sia su quello umano ed etico;
  • è in grado di utilizzare, in forma scritta e orale, , oltre all'italiano, almeno una lingua dell'Unione Europea preferibilmente l'inglese, con specifico riferimento ai lessici disciplinari;
  • possiede gli strumenti cognitivi, gli elementi logici e la familiarità con gli strumenti delle nuove tecnologie informatiche che gli garantiscono un aggiornamento continuo delle conoscenze nello specifico settore professionale nell'ambito della ricerca scientifica;
  • avrà conoscenze e capacità specialistiche adeguate allo svolgimento di attività complesse e interdisciplinari di coordinamento e d' indirizzo riferibili ad uno o più dei seguenti settori:
    • analisi e monitoraggio degli ecosistemi forestali e dell'ambiente montano;
    • gestione sostenibile, eco-certificazione e conservazione delle risorse dell'ambiente agrario, forestale e montano;
    • fruizione del territorio a fini turistico-ricreativi;
    • gestione del territorio a fini faunistico- venatori;
    • progettazione, direzione e collaudo di lavori di protezione del suolo e d' ingegneria forestale e di manutenzione del territorio;
    • progettazione, direzione e collaudo d' interventi selvicolturali, di rimboschimento e di arboricoltura da legno;
    • pianificazione paesaggistica;
    • progettazione e gestione di lavori di miglioramento, ricostituzione e restauro ecologico di ambienti degradati;
    • progettazione e gestione di interventi di prevenzione e lotta agli incendi forestali;
    • analisi e valutazione d' impatto ambientale in aree montane e forestali;
    • piani di gestione di aree protette e pianificazione ecologica territoriale;
    • utilizzazioni forestali e meccanizzazione forestale.
       

 

Gli sbocchi professionali di maggiore rilevanza sono quelli nei settori dell’agricoltura, della selvicoltura, della progettazione e gestione ambientale e territoriale, della industria del legno. In particolare il dottore magistrale in Scienze Forestali e Ambientali potrà svolgere, in completa autonomia decisionale, la sua attività professionale nella gestione forestale, nel monitoraggio e pianificazione territoriale e ambientale, nella produzione e commercializzazione dei prodotti forestali, nell’educazione e formazione nel settore ambientale e tecnico-professionale, oltre che nei settori dell’estimo, delle attività catastali, cartografiche e della progettazione. In considerazione dello stretto legame della didattica di secondo livello con le attività di ricerca nel settore di riferimento, il laureato avrà competenze ed abilità funzionali all'esercizio di attività di supporto avanzate all'attività di ricerca sviluppata presso istituzioni pubbliche e private, potrà accedere ai livelli successivi della formazione ed operare con mansioni di responsabilità all’interno di Enti pubblici e aziende private.

Il corso consente di conseguire l'abilitazione alle seguenti professioni regolamentate: Dottore agronomo e dottore forestale (sezione A)

 

Il corso prepara alla professione di (Codifiche ISTAT)

  1. Direttori e dirigenti generali di aziende che operano nell'agricoltura, nell'allevamento, nella silvicoltura, nella caccia e nella pesca - (1.2.2.1.0)
  2. Agronomi e forestali - (2.3.1.3.0)
  3. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze agrarie, zootecniche e della produzione animale - (2.6.2.2.2)